Traduzione del post pubblicato dall'omeopata Arjen Postma su Facebook il 3 novembre 2020

“La radice di ogni "miseria" in tutti noi è la paura della morte. Quando un governo (o in questo caso il gruppo 'lassù') riesce a fomentarla, la folla spaventata gli va dietro come pecore, perché quella folla pensa che il 'leader forte' possa fare qualcosa per alleviare la paura. Ciò che può aiutare è affrontare questa paura in noi stessi, comprendendo noi stessi, e comprendendo la situazione in cui siamo finiti. Quando arriviamo alla conclusione che non è la paura della morte che ci fa soffrire, ma la paura della vita, allora improvvisamente è diverso. Allora sappiamo di cosa si tratta. Non si tratta di rimandare a dopo o di bandire la morte dalla nostra vita, ma si tratta dell’oggi, di adesso, di questo giorno.

Hugo (il primo ministro Olandese, in Italia sarebbe Giuseppe Conte) vuole illudermi/illuderci che sarà così solo fino a quando non ci sarà il "vaccino curativo", e quindi può farci fare tutto quello che lui (o il gruppo sopra di lui) ha escogitato. Per fortuna, si sbaglia. Non si tratta di un "vaccino curativo", perché si scoprirà che c'è qualcosa di sbagliato in esso e perché la paura della morte non è stata eliminata, ci sarà qualcos'altro a coprire quella paura della morte e le docili pecore avranno ancora fiducia nei loro capi: talmente hanno paura della morte. Quindi dove sta la soluzione? Sta nella nostra autonomia e nella nostra responsabilità per la nostra salute, che si può ottimizzare quando siamo in grado di stimolare la nostra capacità di autoguarigione e quindi non è necessario un vaccino. Tuttavia, Hugo e Mark e tutti gli altri e il gruppo lassù non vogliono assolutamente questo, perché così le pecore diventano autonome e la loro paura svanisce. Ecco perché ci sono persone che - nonostante ci sia l'influenza, o il coronavirus o come lo si vuole chiamare - non hanno paura e sanno che quello che sta succedendo ora non è altro che quello che è sempre successo e fa parte della vita di tutti i giorni. Il cosiddetto "virus killer" che si sta diffondendo ora è un virus con un accento leggermente diverso e che è molto comune nel mondo dei virus, proprio come ci sono persone con accenti leggermente diversi e gruppi di persone con accenti leggermente diversi in continuazione, ma in sostanza appena diverso rispetto ad altri tempi.

Naturalmente c'è stato il progresso e oggi ci sono fognature e una migliore igiene, ma questo non significa che siamo completamente invulnerabili. Con la disinformazione e la manipolazione, Hugo e Mark e il gruppo lassù fanno in modo che la paura della morte rimanga.  Slegati. Assicurati che il tuo sistema immunitario funzioni in modo efficiente. Lo so, quel sistema è stato messo in grande svantaggio da un sistema sanitario di paura: 7 decenni di terapia farmacologica hanno fatto sì che quasi nessuno sappia più che esiste una capacità di autoguarigione e che la si può stimolare. Quando faccio notare questo, Hugo e Mark, Edith e Bill si arrabbiano molto e mi marchiano come cospirazionista. Che lo facciano, ma io non ho paura e non mi arrendo.

Prenditi cura di te e fai qualcosa per la tua paura e per il tuo sistema immunitario. Si può fare (molto) più di quanto pensi. A proposito, alla fine della mia e della tua vita ci aspetta la morte, quindi: fai qualcosa oggi. Hai una possibilità.”

Arjen Pasma (1945) ha lavorato per 10 anni come insegnante, poi è diventato omeopata. Ormai ha 35 anni di esperienza come omeopata, insegna l’omeopatia ed è autore del libro “Practice Makes Perfect” (PMP), una guida in Inglese all’uso degli indici e subindici del repertorio omeopatico (che è volumoso e scritto con delle parole arcaiche) con degli esercizi per favorire la comprensione. Questa guida è importante perche Arjen sostiene che qualcuno che non sa lavorare con il repertorio in versione cartaceo non potrà mai usarlo come software perché sarebbe impossibile digitare i termini giusti. La guida uscirà anche in Tedesco. Da 12 anni Arjen lavora in due continenti, nel Malawi in Africa  e in Olanda, per curare ed insegnare.

Ti piace quest'articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Altri articoli che potrebbero interessarti:

0
X